La società foggiana tra calcio e musica: “Frichigno” in scena al Rossi di Torremaggiore

0
596

La Piccola Compagnia Impertinente presenta Frichigno, spettacolo scritto da Enrico Cibelli, diretto e interpretato da Pierluigi Bevilacqua, che andrà in scena al Teatro “Luigi Rossi” di Torremaggiore sabato 2 febbraio ore 21:00 e venerdi 1 febbraio in mattinata per trecento studenti di scuola media e superiore.

Cos’hanno in comune Zemanlandia e la società? E cosa c’entra il cantante dei Nirvana? Frichigno è un monologo teatrale ad alta voce, come quando urli allo stadio, perché sta giocando la squadra del Foggia e sta dando spettacolo. Frichigno è il racconto di una città, la nostra, abituata a indossare la maglia nera del Sole24Ore. Una città alla quale siamo legati a doppia mandata, andata e ritorno.
Quindi Frichigno parla di Foggia? Sì, ma non solo.
Narra le peripezie di una generazione, chiamata generazione X, delle sue paure e delle sue sfide, passando attraverso due leggende degli anni ’90, Zdeněk Zeman e Kurt Cobain, e le storie della mafia foggiana, che da decenni detta legge in città, al di fuori della legge.
Cosa mai fatta finora, Frichigno porta sul palco la società foggiana, la criminalità organizzata della quale così poco si parla. Frichigno, come urlano i bambini foggiani quando, durante una qualsiasi partita di calcio in strada, il portiere tocca la palla con le mani, fuori dalla  sua area, e fa finta di nulla. E tocca a te gridare: – Alt gioco, frichigno! Frichigno! come dovrebbe gridare chiunque ami questa città.

Fonte: www.ifontanaritorremaggioresi.com di Fulvio De Cesare