Consigli per la conservazione dei documenti d’acquisto o pagamento

0
65
Credits: today.it

«Per ogni bolletta, ricevuta o quietanza c’è un tempo di conservazione minimo, entro il quale l’autorità di riferimento può richiederle al consumatore come giustificativo o possono essere usate dall’utente ai fini di contestare eventuali errori. La legge consente di conservare la documentazione anche tramite strumenti informatici: l’archiviazione delle bollette in cd e hard disk aiuterà a gestirle e a conservarle per anni senza il rischio di rovinarle o smarrirle». A dichiararlo l’Adoc di Foggia, Associazione per la Difesa e l’Orientamento dei Consumatori.
A seguire uno schema riepilogativo.
Tipo di documento e tempo di conservazione:

 Casa 

  • bollette domestiche (acqua, gas, luce, telefono): 5 anni
  • luce con canone rai (ricevute di pagamento): 10 anni
  • affitti (ricevute): 5 anni
  • spese condominiali (ricevute): 5 anni

 Tributi 

  • giustificativi delle spese da detrarre (parcelle mediche, ristrutturazioni della casa ecc.): 5 anni a partire dall’anno successivo  alla dichiarazione di riferimento
  • quietanze dei pagamenti dei tributi (mod. F24, bollettini imu, ricevute tarsu/tares ecc.): 5 anni a partire dall’anno successivo alla dichiarazione di riferimento
  • tassa di circolazione (bollo auto): 3 anni (consigliabile 5 anni)

 banca 

  • estratti conto: 10 anni
  • mutui (quietanze delle rate): 10 anni
  • cambiali: 3 anni dalla data di scadenza
  • titoli di stato: 5 anni dalla scadenza per richiedere capitale e interessi

 Altre spese 

  • multe (ricevuta di pagamento): 5 anni
  • bollette del cellulare: 10 anni
  • assicurazioni (quietanze polizze): 1 anno dalla scadenza (salvo diversi tempi previsti dal contratto) / 5 anni se usate a fini fiscali (detraibili)
  • scontrini d’acquisto: 2 anni (durata ufficiale della garanzia) salvo prolungamento specifico
  • ricevute alberghi e pensioni: 6 mesi
  • rette scolastiche e iscrizioni a corsi sportivi: 1 anno /5 anni se usate a fini fiscali (detraibili)
  • parcelle di professionisti (avvocati, commercialisti ecc.) e artigiani (idraulici, elettricisti, ecc.): 3 anni
  • ricevute di spedizionieri o trasportatori: 1 anno /18 mesi per trasporti fuori europa
  • atti notarili (rogiti, atti di separazione ecc.): per sempre.

Dal comunicato di ADOC Foggia
via Fiume, 40 – 71121 Foggia