Un appello ai laureati torremaggioresi

LaRetorica.it diffonde l'invito del curatore del sito internet che racconta di Torremaggiore e dei torremaggioresi, affinchè il mezzo diventi contenitore e divulgatore di sapere e conoscenza, attraverso i contenuti delle lauree degli studenti, così come negli intenti di Severino Carlucci, storico, giornalista e fotografo del centro dauno scomparso nel 2009.

0
750

Severino Carlucci ha dedicato gran parte della sua vita nella ricerca del modo di relazionarsi con gli altri, di comprendere la complessità della società in cui viveva, di scoprire le caratteristiche del territorio dov’era residente, di studiare la storia passata e di lasciare testimonianza del suo presente, fatto dalla quotidianità delle attività: la continua ricerca dei braccianti nella giornata lavorativa da trascorrere nei campi, che in anni passati durava dall’alba al tramonto; l’impegno dei coltivatori diretti di rendere produttivi terreni abbandonati o in mano ai latifondisti; le battaglie politiche e sindacali che sono arrivate ad avere dei lutti cittadini – vedi Antonio Lavacca e Giuseppe Lamedica – o nella lontana America l’assassinio del concittadino Ferdinando Nicola Sacco, che insieme a Bartolomeo Vanzetti ha avuto come unica colpa quella di essere anarchico e italiano; le feste laiche e religiose e tutte quelle manifestazioni varie che rendono unica la cultura di ogni Paese.

Nei suoi libri, soprattutto in quello dei Fontanari, ha narrato gli avvenimenti con un ricco materiale fotografico che ha immortalato, nell’istante della foto, com’era la realtà temporale di allora. In ognuno di essi trasuda un filo conduttore che è quello dell’amore per la terra natia e il desiderio di fare conoscere a tutti le sue ricerche perché pensava che la conoscenza di cose che riguardassero più persone non dovesse essere tenuta egoisticamente per sé ma dovesse essere trasmessa a quante più persone possibili; ecco perché la principale passione della sua vita è stata il giornalismo. Un Giornalismo, però, senza scopo di lucro – i suoi numerosissimi articoli non sono mai stati pagati – al servizio di un bene collettivo qual è quello della Conoscenza.

una delle rare immagini di Severino Carlucci

Diverse volte mi disse di essere stato contattato da giovani laureandi che gli hanno chiesto notizie, documenti o fotografie, sulla storia di Torremaggiore e lui, contento di poter essere utile, si metteva a completa disposizione. I laureandi hanno utilizzato parte di quelle conoscenze nelle loro tesi di laurea per approfondire la storia di Torremaggiore, dando così una prova concreta del loro amore per la cittadina. Il sito dei Fontanari Torremaggioresi è nato proprio per rendere concreto quel fondamentale principio di Severino di rendere pubblico il Sapere e la Conoscenza e, come lui, rende questo servizio in modo totalmente gratuito. Da qui l’appello che il sito ifontanaritorremaggioresi.com rivolge ai laureati che hanno fatto le loro tesi di laurea su Torremaggiore, a permettere che il loro lavoro venga pubblicato su di esso in modo che venga letto non solo dai Torremaggioresi, ma da tutti gli internauti. Questo lavoro rappresenta un atto d’amore e una ricchezza culturale troppo importante per non essere reso pubblico.

Chi accetta l’invito può mandare il proprio materiale all’indirizzo: fulvio@ifontanaritorremaggioresi.com oppure, se vive a Torremaggiore, può dare il materiale direttamente al sottoscritto, curatore del sito. Grazie.

Fulvio De Cesare