Coraggio e grinta non bastano all’Allianz Pazienza, vince Udine

0
60

Ennesima battuta d’arresto per l’Allianz Pazienza Cestistica San Severo che tra le mura amiche del “Falcone e Borsellino” esce a mani vuote ed inciampa nella settima sconfitta consecutiva in campionato, maturata con il punteggio di 80 – 83. Nel bilancio generale della gara pesano per l’Allianz, di sicuro, le tre bombe consecutive dell’Apu sul finale del terzo quarto ed episodi arbitrali determinanti per l’esito del match. Nonostante una compattezza di squadra per la quasi totalità dei 40’ con Kennedy migliore in campo, i decibel sempre alti degli spettatori presenti al Palazzetto, ancora una volta strapieno, ed i tentativi di rimonta, i “neri” pagano le fatiche della rincorsa non sufficiente per riacciuffare una Udine – con Antonutti e Fabi in grande spolvero – esperta e più cinica nei momenti decisivi.

«A differenza di Montegranaro – spiega il coach Damiano Cagnazzo – abbiamo disputato una buona prestazione. Ho costatato nei ragazzi la voglia di lottare e si è rivisto il nostro carattere, anche se non è bastato. Udine è una squadra costruita per ambire alle zone nobili della classifica e lo hanno dimostrato anche con l’ultimo acquisto di Gazzotti, in uscita dalla Serie A. Ha vinto, dunque, l’esperienza. Quanto a noi – conclude – i risultati negativi non ci fanno lavorare sereni, ma sentiamo la vicinanza della Società e del pubblico, che nonostante le nostre ultime prestazioni, non si è tirato indietro e ci ha continuato ad incitare fino alla fine. Abbiamo il dovere di ottenere qualcosa di buono, anche e soprattutto per loro».

La cronaca
Primo quarto – Quintetti super titolari da entrambe le parti: Spanghero, Saccaggi, Maspero, Demps e Kennedy per i “neri” contro Penna, Fabi, Cromer, Beverly e Antonutti per gli ospiti, che partono subito forte con una bella tripla di Fabi, lasciato tutto solo dalla difesa sanseverese. L’Allianz Pazienza risponde con un’ottima penetrazione dell’ex Spanghero e tre canestri di Maspero dalla lunetta. Le due squadre appaiono abbastanza contratte: tanti falli, tattica ed errori individuali, confermati anche dal punteggio di metà quarto: 5 – 7 tant’è che devono pensarci Kennedy da tre e la bomba di Antonutti, a dare una scossa al match. Verso la fine, dopo i cambi Antenucci per Saccaggi (autore di due falli) e Antelli per Spanghero, è ancora Kennedy a segnare dalla lunghissima distanza. Si conclude la prima decina sul punteggio di: 21- 17. In sostanza, buona la fase difensiva per i padroni di casa, meno la poca verve degli ospiti.

Secondo quarto – La seconda frazione si apre ancora nel segno di Markus Kennedy (10 punti per lui, sino a questo momento) anche se i ragazzi di Alessandro Ramagli non ci stanno e con Beverly, Cromer e la tripla di Fabi riportano la situazione sul 23 – 27. Cagnazzo chiama il timeout e riorganizza i suoi con il duo Kennedy-Mortallaro, Antelli play e Demps e Di Donato e si risucchiano i punti persi. Per l’Apu, invece, entra il neo acquisto Gazzotti anche se le migliori giocate arrivano dalle mani esperte e calde del capitano e leader Michele Antonutti, autore di una buonissima gara. A regnare, però, è l’equilibro nel senso che nessuno sembra in grado di dare una sterzata positiva al match: mentre si alternano triple su triple, Udine prova ad allungarsi, ma viene immediatamente recuperata dalla combattiva Allianz Pazienza. Il parziale palesa quanto scritto: 38 per i padroni di casa contro i 41 per gli ospiti.

Terzo quarto – Si riprende dopo la pausa con Kennedy in versione assistman per Demps che prova a sbloccarsi. Seguono i canestri di Fabi, Maspero, Antelli, Antenutti e ancora Kennedy da ogni lato del parquet ed infine la super bomba di Antelli. Adesso è una partita bella ed entusiasmante: l’Allianz è viva in attacco e attenta in difesa, anche se non bisogna abbassare la guardia, perché l’Apu – nonostante il quarto fallo di Beverly e Zilli – è comunque un roster allestito per i playoff. Ed infatti, dopo un trend positivo dei “neri” sono gli ospiti adesso a reagire a tutte le difficoltà del caso con la massima lucidità, grazie anche all’esperto coach Ramagli, che prova a mischiare le carte tra titolari e panchina. Sebbene San Severo sia ampiamente in partita è necessario migliorare dalla lunetta, perché le percentuali sono molto basse: in una partita così non è possibile sbagliare. Sul finale pesano le triple di Fabi, Cromer e Nobile, alleggerite dai sei punti consecutivi di Marco Spanghero. Ci giochiamo gli ultimi 10’ in svantaggio per: 68 – 64.

Ultimo quarto – Da lontano, Saccaggi, per due volte, fa sperare i calorosi tifosi del “Falcone e Borsellino” e riporta i suoi al -1, ma c’è da soffrire, perché gli avversai non mollano. Entrano Demps e Kennedy per Mortellaro ed Antelli, anche se la situazione non sembra cambiare. A metà frazione, viene fischiato fallo antisportivo ad Antonutti che, però, non viene sfruttato al massimo dall’Allianz, sempre in virtù dei tiri liberi sbagliati. Serve la scossa, quella scintilla che cambia l’inerzia ed arrivano in sequenza la tripla di Spanghero e il canestro di Markus da due punti. Occorre la giusta attenzione in difesa, perchè l’Apu non ha nessuna intenzione di mollare: complici anche due decisioni arbitrali decisamente discutibili gli ospiti sono in vantaggio ad un minuto dal termine. A 13’’ dalla fine, l’Allianz è sul -2 e con l’azione da manovrare: un momento chiave da non sbagliare con la responsabilità del tiro a Demps che, purtroppo per noi, sbaglia. Vincono gli ospiti per tre lunghezze: 83 – 80.

L’intera partita sarà trasmessa domani in differita su TeleBlu (canale 72 del DTT) alle ore 21:00. Domenica prossima alle ore 18:00 l’Allianz Pazienza sfiderà al PalaBanca l’Assigeco Piacenza.

credits: piacenzasera.it

Il tabellino
Allianz Pazienza Cestistica San Severo vs Apu Old Wild West Udine: 80 – 83
(21-17, 17-24, 26-27, 16-15)

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Markus Kennedy 24 (6/7, 3/3), Marco Spanghero 16 (2/5, 3/5), Andrea Saccaggi 13 (3/3, 2/6), Giacomo Maspero 7 (2/3, 0/2), Del Demps 6 (2/3, 0/3), Michele Antelli 5 (1/2, 1/4), Chris Mortellaro 5 (2/4, 0/0), Emidio Di Donato 4 (2/5, 0/3), Simone Angelucci 0 (0/0, 0/0), Alberto Conti 0 (0/0, 0/0), Alessio Attilio Magnolia 0 (0/0, 0/0), Simone Niro 0 (0/0, 0/0) – Coach: Damiano Cagnazzo.
Tiri liberi: 13 / 27
Rimbalzi: 35 9 + 26 (Markus Kennedy 15)
Assist: 15 (Markus Kennedy 5)

Apu Old Wild West Udine: Agustin Fabi 21 (1/5, 5/9), Michele Antonutti 18 (7/10, 1/5), T.J. Cromer 17 (6/10, 1/4), Gerald Beverly 7 (1/2, 0/0), Vittorio Nobile 7 (2/5, 1/2), Giulio Gazzotti 7 (2/4, 0/0), Giacomo Zilli 6 (1/1, 0/0), Lorenzo Penna 0 (0/0, 0/0), Mihajlo Jerkovic 0 (0/0, 0/0), Andrea Amato 0 (0/0, 0/0) – Coach: Alessandro Ramagli.
Tiri liberi: 19 / 25
Rimbalzi: 30 6 + 24 (Gerald Beverly, Giulio Gazzotti 7)
Assist: 13 (T.j. Cromer 5)

Testo e foto di copertina dal comunicato di Ciro Mancino
Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo