L’Allianz Pazienza ad armi pari contro Le Naturelle, ma vince Imola

0
75

Nella seconda gara del girone di ritorno del Campionato di Serie A2 Old Wild West, l’Allianz Pazienza Cestistica San Severo deve arrendersi al “PalaRuggi” di Imola. Finisce: 78-67. Il roster di coach Cagnazzo, privo dell’infortunato Kennedy e con Italiano ancora non al top della condizione, risponde al primo quarto colpo su colpo, nel secondo si lascia andare su un pesante -13 che diventerà alla fine – 5. Nella terza frazione i “neri” hanno dimostrato tutta la loro determinazione, conquistando i punti persi e addirittura andando in vantaggio, ma a prevalere, nell’ultima frazione, è stata la lucidità e brillantezza dell’Andrea Costa. I terribili ragazzi di coach Emanuele Di Paolantonio, infatti, hanno resistito con pazienza al forcing giallonero, punendoli con decisione ai primi errori di Demps, Saccaggi e co. Prestazione corale con Morse, Masciardi, Baldasso e Bowers tutti in doppia cifra. Sul finale di partita, la Cestistica è costretta ad abdicare nonostante la buona reazione condotta dal capitano Di Donato.

«Imola – dice Cagnazzo – ha giocato una gara impeccabile, complimenti a loro e al coach Emanuele Di Paolantonio per cui ho grande rispetto. Noi abbiamo disputato una partita intelligente, ma alle primissime disattenzioni veniamo puniti. Peccato: queste partite se le vinci valgono doppio, perchè batti un roster con lo stesso nostro obiettivo, ti porta maggiore autostima e serenità». «È una sconfitta che brucia – conclude il Vice presidente Michele Gravina – soprattutto per come è arrivata, ma sono sicuro che il coach ed i ragazzi lavoreranno in settimana per migliorare alcuni aspetti importanti. Nel frattempo e speriamo al più presto, siamo in attesa di un rinforzo necessario alla squadra che ci consentirà di poter effettuare maggiori rotazioni e di dare più continuità ai risultati.”

La cronaca
Primo quarto – Scelti gli attori in campo: Morse, Bowers, Masciardi, Baldasso e Fultz per Imola, mentre per San Severo: Spanghero, Saccaggi, Demps, Maspero e Mortellaro. Si va in scena e subito Masciardi, Morse e ancora Masciardi siglano il 6 -0 perchè Maspero, Spanghero e Demps non riescono a segnare tre bombe consecutive e deve pensarci Chris Mortellaro, sotto canestro, a mettere a segno 4 punti. L’Andrea Costa continua nella sua partita diligente e Balsasso, visibilmente in gara, insacca due triple di seguito: serve la risposta immediata di Tre Demps e Maspero dalla lunga distanza e Spanghero che guadagna canestro e fallo. Entrano Antelli, Italiano e Di Donato in versione assistman per Demps per il -1 sanseverese, ma attenzione ai suoi già 2 falli. Dall’altre parte spiccano i 7 punti di Morse, i 6 di Baldasso e l’ottima penetrazione di Valentini sul finale di quarto: 25 – 20 per i padroni di casa. Un dato tattico evidente: Imola si difende a zona con un’ottima pressione che non permette all’Allianz Pazienza di sfondare la difesa avversaria, mentre sebbene l’attacco dei neri stia facendo bene, sono da rivedere gli spazi concessi in difesa.

Secondo quarto – La Cestistica, adesso, gioca con Antelli, Spanghero, Conti e Di Donato dunque con due under sul parquet in quanto Saccaggi e Demps sono in panchina aggravati da due falli. Non è un alibi, ma le azioni dei sanseveresi non si riescono a concretizzare, a differenza della squadra di Di Paolantonio che non ha paura e si porta sul +10 (che diventerà +13) e massimo vantaggio, fino a questo momento. Cagnazzo chiama il primo timeout della gara e fa entrare Demps, Mortellaro e Saccaggi: c’è da rivedere l’atteggiamento in campo, da migliorare le medie da ogni parte del campo (2/17 da tre) e sbloccare il punteggio che resta fermo a 20. Mortellaro lotta e conquista i due punti, dall’altra parte Morse e Baldasso controbattono da tre. 37 – 24 il parziale che cambia immediatamente sul: 37- 29 grazie a Mortellaro e Spanghero. Sul finale si susseguono una serie di errori da entrambe le squadre, con l’Allianz Pazienza che per ben tre azioni non riesce a guadagnare punti, ma è brava a reagire alle difficoltà, nonostante la situazione dei falli preoccupante: Antelli 3, Saccaggi, Demps 2. Il riassunto di questo quarto: brutta Cestistica all’inizio, ottima la reazione sul finale con punti preziosissimi recuperati e 8 ribalzi in attacco. Per quanto riguarda Le Naturelle, i ritmi, comprensibilmente, sono calati e questo ci lascia ben sperare. Si va al riposo sul 37 – 35.

Terzo quarto – Al ritorno sul parquet e con una azione rapida ed efficace Taflaj fa ciuf per ben due volte da tre, ma San Severo è viva, come lo è Giacomo Maspero autore di 7 punti consecutivi. Ad ora Spanghero, Maspero e Mortellaro sono già in doppia cifra: un bel segnale perchè vuol dire che l’attacco funziona, con i ribalzi che sono quasi tutti a nostro favore, grazie alla verve di Di Donato. Occorre solo reggere bene in difesa per annientare le giocate dell’Andrea Costa. Se è vero che i padroni di casa sono sostenuti dal calore del proprio pubblico, non sembra che siano una squadra irresistibile e con l’intenzione di spingere sull’acceleratore per portare la gara sui propri binari. Il punteggio registra 49 – 50 a tre minuti della fine. Ora, comanda, seppur di poco, l’Allianz Pazienza ed il match diventa ‘punto a punto’. Segue un buon break dell’Andrea Costa brava a reagire e portarsi sul +5 e concludere la terza frazione sul: 57 – 52. Non sappiamo come andrà a finire questa gara, ma è da costatare la reazione di questi ragazzi. Con Kennedy infortunato, Italiano acciaccato, under in campo, sul -13, i “neri” hanno dimostrato una grande, grandissima reazione sinonimo di una squadra viva, nonostante tutti i nonostante.

Ultimo quarto – Spanghero, Saccaggi, di Donato, Demps e Italiano, iniziamo l’ultimo quarto così. Masciardi apre da lontanissimo e Saccaggi, due volte, non riesce ad imitarlo. Le due squadre hanno paura di perdere una partita così delicata e per tali ragioni, in tre minuti di gioco, si sono susseguiti tanti errori ed il punteggio resta sempre sul: 59 – 52. Valentini rompe gli indugi e fa lo stesso anche Saccaggi, finalmente, dalla lunghissima distanza. I due falli di Italiano fanno sì che l’Andrea Costa andrà fino alla fine della gara dalla linea della carità, non una buona notizia per i “neri”. Da segnalare, di nuovo, il ritmo alzato dagli uomini di Emanuele di Paolantonio che mette in difficoltà San Severo, ma a volte Imola si addormenta e permette all’Allianz Pazienza di acquistare fiducia, soprattutto grazie alla giocata sotto canestro di Mortellaro e alla seconda bomba consecutiva di Emidio Di Donato. Mancano 120 secondi alla fine con il punteggio di: 68 – 65 e San Severo non si arrende. Baldasso viene baciato dalla fortuna e sulla sirena segna e cambia ancora il tabellone: 70 – 65. Ci si aspettava l’ulteriore reazione degli uomini di coach Damiano Cagnazzo: così non è, perché è Imola ad attaccare fino ad arrivare alla sirena finale che sancisce il punteggio sul: 78 – 67.

L’intera partita sarà trasmessa domani in differita su TeleBlu (canale 72 del DTT) alle ore 21:00. La prima gara del 2020 si giocherà in casa, domenica 5 gennaio alle 18:00 contro Forlì.

Il tabellino
Le Naturelle Imola Basket – Allianz Pazienza Cestistica San Severo: 78 – 67
(25-20, 12-15, 20-17, 21-15)

Le Naturelle Imola Basket: Anthony Morse 17 (7/11, 0/0), Timothy Jermaine Bowers 16 (5/9, 0/2), Lorenzo Baldasso 15 (3/5, 3/6), Stefano Masciadri 10 (4/8, 0/2), Luca Valentini 7 (3/5, 0/0), Celis Taflaj 6 (0/2, 2/3), Robert Fultz 5 (1/1, 1/4), Giorgio Calvi 2 (1/1, 0/0), Tommaso Ingrosso 0 (0/0, 0/0), Nikola Ivanaj 0 (0/0, 0/0), Alessandro Alberti 0 (0/0, 0/0) – Coach: Emanuele Di Paolantonio.
Tiri liberi: 12 / 20
Rimbalzi: 32 4 + 28 (Anthony Morse 11)
Assist: 14 (Robert Fultz 7)
 

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Chris Mortellaro 18 (9/10, 0/0), Giacomo Maspero 15 (6/7, 1/4), Marco Spanghero 14 (3/6, 1/5), Delano Jerome Demps III 9 (2/7, 1/7), Emidio Di Donato 6 (0/2, 2/7), Andrea Saccaggi 3 (0/1, 1/5), Michele Antelli 2 (1/1, 0/3), Nazzareno Italiano 0 (0/2, 0/2), Alberto Conti 0 (0/1, 0/0), Simone Angelucci 0 (0/0, 0/0) – Coach: Damiano Cagnazzo.
Tiri liberi: 7 / 10
Rimbalzi: 40 12 + 28 (Emidio Di Donato 11)
Assist: 15 (Delano Jerome Demps III 6)

Testo e foto di copertina dal comunicato di Ciro Mancino, Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo.