Aba Abate, l’eroina di Roberto Costantini alla Libreria Ubik di Foggia

Martedì 3 marzo alla libreria lo scrittore romano presenta "Una donna normale" e nella mattinata del giorno dopo, mercoledì 4 marzo incontra gli studenti del Liceo "Vincenzo Lanza" di Foggia, ospite dei Ritorni Extravaganti.

0
133
Credits: mangialibri.com

Torna l’autore della Trilogia del Male, pluripremiata e tradotta anche negli Usa. Se l’impiegata è un’agente dei servizi segreti: Aba Abate, la nuova eroina di Roberto Costantini.

Con il commissario Balistreri ha creato un personaggio di culto, sgarbato, scorretto, tormentato e meravigliosamente ostile. Adesso, con Aba, cerca gloria nella zona grigia dell’inganno, muovendosi in un campo letterario tradizionalmente minato: quello della spy story. Roberto Costantini torna e volta pagina, stavolta alle prese con un’eroina dalla doppia, irrinunciabile e complicatissima vita: martedì 3 marzo 2020 alle ore 19.00 l’autore della formidabile Trilogia del Male – tradotta negli Usa e pluripremiata – ritrova il pubblico della libreria Ubik di Foggia con il suo nuovo romanzo, Una donna normale edito da Longanesi quest’anno. L’indomani, mercoledì 4 marzo alle ore 11.00 lo scrittore romano incontra anche gli alunni del Liceo “Vincenzo Lanza” di Foggia ospite dei Ritorni Extravaganti a cura della docente Mariolina Cicerale. La due-giorni con Roberto Costantini, autore di levatura extra nazionale, conferma le intenzioni del gruppo di lavoro Ubik di voler ribadire la propria presenza sul territorio nonostante la delicata situazione sanitaria nazionale, confermando tutti gli eventi già programmati e riservandosi eventuali annullamenti soltanto in casi di comprovata pericolosità segnalata dalle istituzioni, anche con uno scarto minimo di ore rispetto all’incontro.

Una donna normale (Longanesi, 2020 di 480 pagine)
Aba Abate è una donna normale. Suo marito Paolo, pubblicitario aspirante scrittore, è un uomo colto ma con scarso senso pratico. I suoi figli, Francesco e Cristina, sono adolescenti e, come tutti i ragazzi a quell’età, problematici e conflittuali. La sua unica vera amica sin dai tempi della scuola, Tiziana, ha una libreria e da single continua a cercare il grande amore. Aba si rivolge a lei in cerca di un aiuto per le aspirazioni di romanziere del marito. Aba fa di tutto per tenere unita la sua famiglia e i suoi affetti, ma non è sempre facile per via del suo vero lavoro. Perché Aba Abate in realtà è anche «Ice». Non una semplice impiegata ministeriale come credono i suoi familiari, ma una funzionaria dei Servizi segreti con un compito delicatissimo: reclutare e gestire gli infiltrati nelle moschee. È proprio da un suo informatore che Aba apprende una notizia potenzialmente catastrofica: in Italia sta arrivando via mare dalle coste libiche un terrorista pronto a farsi esplodere. La scadenza: una settimana. Aba si trova costretta a intervenire in prima persona anche sul campo, in Libia e in Niger. E per avere una pur minima speranza di successo deve avvalersi della collaborazione di un agente del posto, il professor Johnny Jazir, un uomo che la trascina gradualmente in una spirale in cui tutti i suoi valori sono messi in dubbio. Le missioni si moltiplicano, le emergenze familiari e lavorative si sovrappongono nel giro di pochi, frenetici giorni, e quando niente va come dovrebbe il mondo di Aba – quello professionale, ma anche quello degli affetti e dell’amore per il quale ha sempre così tenacemente lottato – comincia inesorabilmente a crollarle addosso. Possono davvero coesistere Aba e Ice?

Roberto Costantini
Nato a Tripoli è romano d’adozione, ingegnere, con Master in Management Science all’università di Stanford, California è dirigente della Luiss “Guido Carli” di Roma dove insegna Negoziazione e Leadership. Consulente aziendale, ha lavorato per società italiane e internazionali. È autore di una serie di romanzi che hanno come protagonista il commissario Michele Balistreri, bestseller tradotti negli Stati Uniti e nei principali paesi europei. Con la Trilogia del male ha vinto il Premio speciale “Giorgio Scerbanenco” 2014 come «migliore opera noir degli anni 2000». Con La moglie perfetta è stato finalista al Premio Bancarella 2016.

Testo nel comunicato di Alessandro Galano, Ufficio Stampa e Organizzazione Eventi Libreria Ubik di Foggia
Piazza Umberto Giordano, 76 – 71121 Foggia