Qualsiasi libro ordinato online, tramite magazzini, sarà un piccolo colpo inferto alla libreria di città

0
123

È il momento di attingere dalle riserve librarie: aspettiamoci a vicenda. “Diamo fondo alle scorte”. Piccola lettera per grandi lettori. Lo Staff della Libreria Ubik di Foggia, lettori e gruppi sono al lavoro: su Facebook, Instagram e Twitter, consigli e video-letture.

In Se una notte d’inverno un viaggiatore, metaromanzo capolavoro di Italo Calvino, il protagonista è il Lettore. Il grande scrittore si rivolge direttamente a Lui e ai libri che potrebbe leggere, elencandoli secondo una singolare e personalissima tipologia: dai Libri Che Puoi Fare A Meno Di Leggere ai Libri Già Letti Senza Nemmeno Bisogno D’Aprirli, passando per i Libri Che Hai Intenzione Di Leggere Ma Prima Ne Dovresti Leggere Degli Altri, scavando in tantissime sottocategorie. Tra queste, una è quella più attuale e urgente: i Libri Che Da Tanto Tempo Hai in Programma Di Leggere.

Ecco, in questo momento in cui la libreria è chiusa, il suggerimento che lo staff Ubik vuole rivolgere ai lettori consapevoli è quello di prendere in mano quei libri comprati e un po’ dimenticati, attingendo dalle scorte domestiche e mettendosi “in pari” (ogni lettore vive questa piccola ossessione con i propri scaffali). Presto, si spera già il 26 marzo, come da decreto, la libreria riaprirà i battenti e sarà un piacere riassortire le novità e non solo quelle. Presto, Ubik Foggia tornerà a essere quel piccolo punto di riferimento della Città.
Prima di allora, qualsiasi libro ordinato online, tramite magazzini che non sono librerie e che da sempre dimostrano di non avere grande rispetto per i lavoratori, sarà un piccolo colpo inferto alla libreria di città.

 

Bisogna chiedersi se è realmente necessario e se non sarebbe meglio tirare fuori quel libro comprato e dimenticato, quello che da tanto tempo era lì in attesa, quello che forse, finalmente, è arrivato il suo momento. Proprio come dice Italo Calvino. Ubik c’è, lo staff è al lavoro ogni giorno, anche a distanza. Diamo fondo alle scorte.  Aspettiamoci a vicenda.

Chiusi per il virus, aperti per i lettori: è questo, invece, il leitmotiv pensato per colmare questo periodo di “distanza” tra libreria e lettori. Alla Città manca lo spazio live, gli incontri, le letture e le condivisioni dal vivo. Ma i social network sono un piccolo, grande aiuto in sostituzione della fisicità: l’unico modo per mantenere vivo il rapporto con chi ha sempre seguito le attività della libreria. Ogni giorno, pertanto, i librai Ubik leggono e consigliano un libro, pescando tra romanzi nuovi e meno nuovi, senza paletti, a totale piacere di libraio. Ma non solo: anche i lettori stanno dando una mano, dal gruppo di lettura PagineMie a quello degli appassionati di polizieschi di A qualcuno piace… Giallo, passando per la Scuola di Fumetto Inkiostro che ogni lunedì ha il proprio ritrovo in libreria, e concludendo con le letture per bambini a cura dell’esperta di letteratura per l’infanzia Chiara Gentile.

È importante restare a casa. Ma è altrettanto importante “uscire” di casa, evadere da questo momento così difficile. E un libro, oggi, è la risposta. Su Facebook, Instagram e Twitter, consigli e video-letture, ogni giorno più volte al giorno. E sul blog “Ubik Foggia” è riportata la traccia dell’operato di lettori e librai. Distanti, ma insieme.

Testo e foto nel comunicato di Alessandro Galano, Ufficio Stampa e Organizzazione Eventi
Libreria Ubik di Foggia
Piazza Umberto Giordano, 76 – 71121 Foggia