La UILPOSTE di Foggia dice BASTA!

0
169

Il propagarsi dei contagi nella provincia di Foggia sta mettendo a nudo le criticità nell’organizzazione negli Uffici di Poste Italiane rispetto ai protocolli di sicurezza per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro. Evidentemente gli interventi in atto non sono sufficienti.

Stiamo parlando di un’Azienda che vanta bilanci in attivo, dividendi ad azionisti, che deve trovare i mezzi per alzare i livelli di protezione a tutela della salute delle lavoratrici e  dei lavoratori alle proprie dipendenze, ma anche alzare il livello di sicurezza a tutela dei cittadini fruitori di servizi che in modo civile e disciplinato si sottopongono a lunghe fila all’esterno degli Uffici Postali.

La UILPOSTE di Foggia dice BASTA e sollecita l’Azienda, attraverso una lettera, ad effettuare senza ulteriori esitazioni test rapidi dell’antigene – richiesta tra l’altro avanzata dalle Organizzazioni Sindacali nell’Organismo Paritetico Nazionale del 19 novembre – per la rilevazione del Coronavirus su tutta la popolazione aziendale presente nella provincia di Foggia

Uno screening su scala provinciale può aiutare a identificare le fonti di infezione e a fermare un ulteriore aumento della diffusione del virus tra i lavoratori di Poste, che dall’inizio della pandemia hanno dimostrato senso di responsabilità e generosa abnegazione nel loro lavoro quotidiano.

Comunicato stampa, firmato a Foggia il 25 novembre dal Segretario Territoriale, Carlo Macrini.

Paolo Graziano, per UILPOSTE Segreteria Provinciale di Foggia
Via Fiume, 38/C – 71121 Foggia
tel: 0881 776144
mail: foggia@uilpost.net
mail: uilpostefoggia@gmail.com
Testo nel comunicato da Enzo Pizzolo, Responsabile Ufficio Stampa, UIL Foggia.