San Severo e l’accesso alla DAD degli studenti ai tempi del Covid .

0
135
credits: twitter.com

Sin dall’inizio della pandemia l’Amministrazione Comunale di San Severo, tramite l’Assessorato alla Cultura e Pubblica Istruzione, in collaborazione con i Dirigenti scolastici, ha posto in essere diverse azioni per assicurare che gli studenti abbiano a disposizione gli strumenti necessari per accedere alla didattica a distanza. Infatti, a causa dell’emergenza sanitaria che ha interessato la nostra Città a partire dai primi giorni di marzo e che si è ripresentata in maniera molto più grave dal mese di novembre, i nostri studenti e i docenti hanno dovuto affrontare la didattica integrata e la didattica a distanza, modalità entrambe che hanno sollevato alcuni problemi.

«Accanto ai numerosi interventi economici governativi e regionali effettuati direttamente a favore delle istituzioni scolastiche – dichiarano il Sindaco, Francesco Miglio e l’Assessore alla Cultura e alla Pubblica Istruzione Celeste Iacovino – considerata la straordinarietà della situazione e seppure in materia di Pubblica Istruzione i Comuni abbiano ben pochi margini di manovra,  anche il Comune di San Severo, tramite l’Assessorato alla Cultura e Pubblica Istruzione, è  intervenuto  con diverse risorse per garantire, sotto questo aspetto, che il diritto allo studio fosse realizzato appieno in tale situazione emergenziale».

«A tal fine – aggiunge l’Assessore Iacovino – abbiamo invitato sia nella prima fase dell’epidemia che in questa seconda fase tutti i dirigenti scolastici a segnalare all’Assessorato se durante la fase di ricognizione degli studenti bisognosi di dispositivi digitali e connettività fossero emerse domande in numero superiore a quello che i fondi ministeriali e regionali potessero soddisfare e quindi, sulla base delle richieste pervenute, sono stati erogati e si stanno continuando ad erogare contributi a ciò finalizzati.
Dopo il primo monitoraggio effettuato nel mese di aprile l’Amministrazione, grazie a fondi comunali, alla rimodulazione del Fondo del Sistema Integrato di Educazione e Istruzione dalla Nascita ai 6 Anni per l’anno 2019 e alla diversificazione del Fondo Regionale per il comodato d’uso dei testi, ha destinato alcuni contributi a sostegno della DAD.
A seguito di nuove ricognizioni nei mesi di ottobre e novembre sono state evidenziate altre criticità da parte delle Istituzioni Scolastiche, sia per l’espletamento della didattica integrata, che della didattica a distanza e per venire incontro alle esigenze dei Dirigenti scolastici, l’Assessore ai Lavori Pubblici, Luigi Montorio, ha coordinato gli interventi di potenziamento delle reti wi-fi delle strutture scolastiche di tutte le scuole di competenza comunale.
Sono, quindi, stati individuati sia fondi comunali, che di provenienza regionale per gli interventi da effettuare direttamente o attraverso la concessione (a rendicontazione) di un contributo.
Inoltre, sulla scorta dei dati comunicati dai Dirigenti scolastici circa ulteriori esigenze delle famiglie in situazioni di precarietà economica per dotare gli studenti di dispositivi per la didattica a distanza, sono state programmate nuove contribuzioni (a valere sui fondi comunali e del Sistema Integrato D. Lgs. 65/2017) in favore di tutti gli Istituti Scolastici di competenza comunale: il Circolo Didattico “De Amicis”, il Circolo Didattico “San Francesco”, l’Istituto  Comprensivo “Zannotti-Fraccacreta”, il Circolo Didattico “San Benedetto”, l’Istituto Comprensivo “Palmieri-San Giovanni Bosco” e l’Istituto Petrarca-Padre Pio».

Dall’inizio della emergenza covid, utilizzando i fondi comunali e i fondi del diritto allo studio e del sistema integrato si è dunque destinato alla didattica integrata e alla didattica a distanza da parte del Comune e di Regione Puglia, tramite il Comune, un importo complessivo di euro 107.527,59 di cui euro 73.517,03 a favore delle Scuole pubbliche, a cui vanno a sommarsi altri fondi stanziati a favore delle Scuole Private paritarie convenzionate che, nonostante la chiusura delle scuole nel periodo da marzo a maggio, hanno potuto ugualmente usufruire del contributo per la mensa  per destinarlo alla DAD dei propri alunni, per un complessivo importo di euro 34.010,56.

Testo nel comunicato a firma del dott. Michele Princigallo, Ufficio Stampa del Comune di San Severo.