Partita da vincere per la Cestistica: a San Severo arriva la Stella Azzurra Roma.

0
147
credits: Marika Torcivia

“Quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare”. È probabilmente questo il senso delle parole con cui coach Lino Lardo ha arringato i suoi ad inizio settimana, per approcciare al meglio un match che vale già doppio in ottica salvezza. La Allianz Pazienza  Cestistica San Severo torna sui legni del Palacastellana dopo circa un mese, avaro di vittorie e scevro di soddisfazioni ed attende quella che è, al momento, l’unica squadra del girone che fino ad ora ha fatto peggio: la Stella Azzurra Roma.

Rientrati nella città eterna dopo il biennio di partnership con Roseto, i capitolini incarnano appieno la filosofia della linea verde, di cui ormai hanno fatto un vero e proprio brand da un paio di decenni. Coach Germano d’Arcangeli è il mentore di una nidiata di millennials che cerca di “svezzare” al basket che conta e rappresenta la linea di continuità, insieme ai play Giordano e Nikolic ed ai lunghi Menalo e Fokou, a cui si aggiunge l’altro pivot Ndzie ritornato alla base dopo un paio di esperienze in altre realtà ed un’autentica promessa della palla al cesto tricolore, come Alessandro Cipolla ex Reggio Emilia. Anche gli stranieri sono atleti che combaciano con la mission dell’Academy, ma se Stephen Thompson Junior ha mantenuto le aspettative e viaggia a 23 punti di media con una valutazione di 22 a partita, l’altro statunitense D.J. Laster è stato appena tagliato per un rendimento inferiore alle attese. Un basket atletico, veloce, dispendioso e sfrontato questo il dna dei laziali, fanalino di coda con due soli punti in cascina ma sempre combattivi e mai arrendevoli a prescindere dall’avversario.

Una brutta gatta da pelare per i ragazzi del presidente Ciavarella in crisi di risultati e di fiducia in se stessi. L’infermiera continua a registrare la presenza di Jones, sebbene lo staff medico ancora una volta proverà a recuperarlo in extremis. Per il resto sarà un match quasi da ultimo appello: i neri dovranno trasformare delusione e frustrazione in rabbia agonistica lottando su ogni pallone fino al 40′ per dimostrare quanto tengano a questa maglia, alla Società ed a tutto l’ambiente che continua a sostenerli sia pure da lontano. Certamente l’innesto di Riccardo Bottioni aumenterà rotazioni e soluzioni tattiche oltre a qualità negli allenamenti, ma domenica non ci saranno “se” e “ma” e il finale deve essere uno solo!

Palla a due alle ore 18.00 con direzione arbitrale affidata a Stefano Ursi di Livorno, Alessandro Saraceni di Zola Predosa e Giampaolo Marota di San Benedetto del Tronto, con consueta diretta streaming per gli abbonati alla piattaforma LNP Pass.

Testo e fotografia nel comunicato di Umberto d’Orsi, Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo.