Un ultimo quarto disastroso compromette tutto, la Cestistica spreca e perde.

0
310
credits: Stella Azzurra

Niente  da fare per l’Allianz Pazienza. Al “PalaCoccia” è Stella Azzurra a centrare la vittoria per 71 – 65 e l’aggancio in classifica proprio ai gialloneri. Bravissimi gli uomini di coach D’Arcangeli a crederci di più mostrando grinta sotto canestro ed energia per tutti i 40’. Dall’altro canto, la Cestistica dal secondo quarto ha mantenuto un buon vantaggio, ma un inadeguato ultimo quarto ha compromesso una gara che sembrava (e doveva…) essere vinta. Partite di questa caratura devono essere portate a casa ad ogni costo: così non è stato. I capitolini, infatti, non hanno proposto una pallacanestro scintillante eppure hanno conquistato i due punti i due punti utili per lo sprint finale. All’Allianz questo è mancato e si ritorna a San Severo a mani vuote e con l’amaro in bocca.

Il riassunto

Non è di certo una prima frazione ricca di belle azioni ed emozioni. Le due squadre combattono soltanto sotto canestro, Giordano marca a uomo Clarke e per San Severo diventa difficile gestire i possessi in maniera efficace. Tanti errori dalla parte giallonera (1/7 da tre e 5/9 dalla lunetta, solo per citare qualche esempio) e dai romani che però sono in vantaggio: 21 – 14.
Per smuovere le sorti di un match fondamentale c’è bisogno di un cambio di passo affinché l’inerzia della partita sia dalla parte sanseverese ed infatti, è quanto succede nella seconda diecina dove, grazie a Contento, Di Donato e alle percentuali di Clarke che iniziano a migliorare, l’Allianz prende le redini del gioco. Stella, infatti, negli attuali 10’ ha segnato soltanto 8 punti. Demeriti degli avversari o merito degli uomini di Panizza poco importa, adesso il tabellone ci sorride: 29 – 35.
Al ritorno dagli spogliatoi, la Cestistica mantiene sempre un leggero vantaggio dagli avversari, ma proprio perché non è ampio il rischio è che Stella, con qualche azione positiva, possa prendere coraggio e ritornarne in partita come succede verso sulla fine di frazione. Serve tranquillità fino alla fine e nel frattempo si va a giocare l’ultimo quarto ancora in vantaggio: 44 – 53.
Il trand è: l’Allianz Pazienza scappa a +10 e Roma, con calma, riduce il gap: può sembrare che l’esito sia già scritto, ma non lo è affatto. Ed infatti, di colpo, San Severo ha soltanto 4 punti in più dei romani e a -2’ diventano, clamorosamente, -3 e un – finale. Sul tabellone conclusivo si legge: 71 – 65.

Il prossimo appuntamento è previsto per giovedì 8 aprile 2021 con salto a due alle ore 20.00 per il match contro un’altra super avversaria candidata al salto di categoria, l’Unieuro Forlì.

Il tabellino
Stella Azzurra Roma vs Allianz Pazienza Cestistica San Severo
71-65
(21-14, 8-21, 15-18, 27-12)

Stella Azzurra Roma: Sandi Marcius 23 (10/17, 0/0), Stephen mark Thompson jr 18 (5/10, 2/6), Nicola Giordano 11 (3/7, 0/1), Matteo Visintin 11 (4/5, 1/3), Lazar Nikolic 4 (1/3, 0/2), Roberto Rullo 3 (0/3, 1/7), Emmanuel Innocenti 1 (0/1, 0/2), Elhadji Thioune 0 (0/0, 0/0), Matteo Ghirlanda 0 (0/0, 0/0), Thomas Reale 0 (0/0, 0/0), Fabrizio Pugliatti 0 (0/0, 0/0), Dut Mabor 0 (0/0, 0/0) – Coach: Germano D’Arcangeli.
Tiri liberi: 13 / 22
Rimbalzi: 40 13 + 27 (Sandi Marcius 19)
Assist: 17 (Nicola Giordano 6)

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Rotnei Clarke 18 (5/10, 2/7), Andy Ogide 11 (2/6, 1/4), Marco Contento 10 (1/1, 2/5), Iris Ikangi 7 (1/6, 1/1), Emidio Di donato 5 (2/2, 0/1), Riccardo Bottioni 4 (1/3, 0/1), Michele Antelli 4 (0/0, 1/3), Marco Maganza 4 (2/4, 0/0), Chris Mortellaro 2 (1/2, 0/0), Goce Petrushevski 0 (0/0, 0/0), Simone Angelucci 0 (0/0, 0/0) – Coach: Nicolas Panizza.
Tiri liberi: 14 / 23
Rimbalzi: 34 6 + 28 (Andy Ogide 9)
Assist: 14 (Rotnei Clarke 3)

Testo e fotografia nel comunicato del 28 marzo 2021 di Ciro Mancino, Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo.