Buonissima la prestazione della Cestistica, ma non basta

0
133
credits: Antonio Giammetta

Una bella, ma sconfitta, Cestistica, scarno riassunto del recupero della seconda giornata di andata Serie A2 Old Wild West Girone Rosso tra Allianz Pazienza Cestistica San Severo e Lux Chieti Basket 1974 terminato sul punteggio di: 63 – 73. La partita ha rispettato tutte le attese della vigilia con le due squadre che non hanno minimamente rinunciato alle loro filosofie.

Nello specifico: Chieti, dopo la vittoria di Ravenna su Ferrara, giocava con la voglia di far parte a tutti i costi del girone giallo e di centrare i playoff: per tali motivazioni gli uomini di coach Maffezzoli al “Falcone e Borsellino” hanno espresso la loro pallacanestro vivace ed organizzata.
L’Allianz non è stata a guardare lo spettacolo proposto dagli ospiti, tutt’altro. La squadra si è ben comportata per quasi la totalità dei minuti attraverso buone trame offensive, una discreta attenzione in difesa e l’ottima energia espressa sotto la plance. Tutti, nonostante l’assenza di Clarke, non rischiato per precauzione, Bottioni e Di Donato dolorante dal secondo tempo in poi, hanno dato un importante contributo.
A partire dalla sfida contro l’Orlandina Basket servirà ridurre a zero le sbavature – le percentuali pessime dei tiri liberi, alcune palle perse con superficialità, per citare qualche esempio – ed essere perfetti in ogni lato del pitturato e per tutto il corso della partita. I segnali che la Cestistica manda a sé stessa in primis , poi alle sue sfidanti, sono comunque incoraggianti. Orlandina, Casal Monferrato e Orzinuovi prendano appunti: nell’orologio, l’Allianz darà filo da torcere.

Il riassunto

Bechi non rischia Clarke e si affida ad Antelli, Contento, Ikangi, Ogide e Maganza mentre Maffezzoli opta per Sodero, Graziani, Williams, Bozzetto e Sorokas. L’inizio è travolgente da entrambe le parti: l’Allianz mette a segno tre triple con Ogide, Ikangi e Antelli mentre la Lux si affida più ai centimetri di Sorokas. L’intensità si abbassa notevolmente dopo 5’ di gioco ed aumentano, per la frenesia, le azioni sbagliate per San Severo mentre Chieti, con calma e sempre sotto canestro, prova a prendere vantaggio sui padroni di casa. 13 – 14 è il primo parziale.
All’apertura della seconda diecina è la squadra abruzzese a provare a prendere le redini del gioco, mettendo a referto cinque punti consecutivi. Da quel momento è assedio giallonero. Antelli segna con personalità e fornisce assist preziosi ai compagni, Mortellaro è una certezza, Ikangi offre sempre la sua energia ed in campo si vede una squadra granitica che non vuole concedere punti agli avversari: nonostante Bechi non possa schierare Bottioni e Clarke, due pedine importanti per lo scacchiere sanseverese, le risposte dagli altri sono positive. Nota sui falli di Chieti: William è a quota 3 mentre Bozzetto e Favalli a 2. L’unica nota dolente per l’Allianz arriva dalla linea della carità, laddove le statistiche devono necessariamente migliorare. Sul tabellone il secondo parziale è di 31 – 26.
Dopo la pausa lunga, lo scenario è più meno il medesimo del secondo quarto: la Lux spinge e la Cestistica è più guardinga, poi si invertono le parti anche se gli ospiti non mollano e restano in scia giallonera. Sarà un ultimo periodo punto a punto, proprio come gli ultimi minuti della terza frazione che termina sul risultato di parziale: 51 – 49.
Lo avevamo anticipato: canestro San Severo, centroattacco chietino e viceversa. La spunterà solo la squadra che sbaglierà di meno e per i tifosi gialloneri sarà Chieti a strappare i due punti in classifica, grazie alle due triple di Meluzzi che stronca definitivamente il match sul punteggio finale di 63 – 73.

Nonostante la sconfitta, la dirigenza è fiduciosa: «92 punti segnati con Ferrara, vittoria schiacciante contro Forlì e questa sera, sebbene il risultato, altra performance convincente» – commenta subito dopo il match il Vice Presidente Michele Gravina. «Ci piace vedere i nostri beniamini lottare con abnegazione e spirito di sacrifico. È soddisfacente sentire coach Bechi che richiama all’attenzione i suoi ragazzi chiedendo loro passaggi precisi, canestri facili, grinta a rimbalzalo. È segno di una squadra viva ed è l’atteggiamento giusto da mettere sul parquet soprattutto per la fase ad orologio. Archiviamo questa sconfitta. Dalla Sicilia parte il nostro secondo campionato conoscendo le difficoltà, ma pronti a dar battaglia. Coraggio, ragazzi!»

Da domenica 25 aprile 2021 si inizia a fare sul serio. Si va a Capo d’Orlando per la prima gara del Girone Blu contro l’Orlandina Basket.

Il tabellino
Allianz Pazienza Cestistica San Severo vs LUX Chieti Basket 1974
63-73
(13-14, 18-12, 20-23, 12-24)

Allianz Pazienza Cestistica San Severo: Marco Contento 16 (0/3, 4/9), Chris Mortellaro 14 (7/7, 0/0), Michele Antelli 9 (2/5, 1/5), Andy Ogide 9 (2/5, 1/2), Iris Ikangi 6 (0/5, 2/5), Marco Maganza 6 (3/3, 0/0), Simone Angelucci 3 (0/1, 1/2), Goce Petrushevski 0 (0/0, 0/0), Emidio Di donato 0 (0/0, 0/3), Michele Guida 0 (0/0, 0/0), Simone Franciosi 0 (0/0, 0/0), Riccardo Bottioni 0 (0/0, 0/0) – Coach: Luca Bechi.
Tiri liberi: 8 / 21
Rimbalzi: 30 9 + 21 (Andy Ogide 7)
Assist: 18 (Marco Contento 5)

LUX Chieti Basket 1974: Paulius Sorokas 16 (6/9, 0/0), Davide Meluzzi 16 (1/7, 2/7), Matteo Graziani 14 (5/6, 1/4), Pendarvis Williams 14 (5/6, 0/1), Davide Bozzetto 9 (3/5, 1/3), Guglielmo Sodero 4 (2/3, 0/2), Francesco ikechukwu Ihedioha 0 (0/1, 0/0), Alessandro Piazza 0 (0/1, 0/0), Giancarlo Favali 0 (0/1, 0/0), Mitt Arnold 0 (0/0, 0/0), Nikola Mijatovic 0 (0/0, 0/0) – Coach: Massimo Maffezzoli.
Tiri liberi: 17 / 18
Rimbalzi: 33 7 + 26 (Davide Bozzetto 10)
Assist: 13 (Guglielmo Sodero 4)

Testo e fotografia nel comunicato del 21 aprile 2021 di Ciro Mancino, Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo.