I laziali pareggiano i conti e il futuro della Cestistica si deciderà in gara 5.

0
88
credits foto. Stella Azzurra

Si deciderà a gara 5 il futuro dell’Allianz Pazienza Cestistica San Severo. Nel quarto match di playout gli azzurri della Stella si impongono per 71 – 66 e pareggiano i conti: 2 – 2. A differenza di martedì, San Severo è entrata sul parquet con un piglio diverso, rimanendoci fino alla fine, tuttavia ha pesato l’aver commesso un pessimo terzo quarto condito di troppi errori, poca reattività a rimbalzo, conseguenza sicuramente di una condizione fisica non ottimale e quel minuto alla fine della gara mal gestito.

I gialloneri sono in debito d’ossigeno, a differenza dei temibili ragazzi di D’Arcangeli che non avranno la qualità del roster sanseverese, ma hanno più benzina utilissima soprattutto in una serie lunga e complessa come questa. Dunque, tutto in parità e niente ancora è compromesso. L’Allianz si giocherà l’intera stagione in casa sua, al “Falcone e Borsellino” e davanti al suo pubblico, quel “sesto uomo” capace di spingere la squadra oltre le loro forze.

Il riassunto
Quintetto romano: Giordano, Menalo, Thompson, Nikolic e Ndzie contro quello sanseverese Bottioni, Clarke, Ikangi, Ogide e Maganza.
A differenza di martedì, la partenza è tutta giallonera con le due triple di Iris Ikangi ed il canestro vincente di Ogide sotto la plance per un 0 – 8 sanseverese e sospensione di d’Arcangeli. Dopo quel timeout tra svariati errori da entrambi i lati, arrivano gli 8 punti degli stellini e 0 dell’Allianz. Un blackout giallonero migliorato soltanto dai cinque punti messi a segno da Rotnei Clarke per un parziale di frazione pari a 9 – 14. Punteggio basso, squadre contratte, tanti sbagli per il peso specifico del match.
A metà della seconda decina, quando il coach laziale è costretto ancora una volta a chiamare timeout, San Severo è avanti di +10 per il massimo vantaggio che diventano +13 a metà frazione e +14 alla fine del secondo quarto. Il piglio della squadra di coach Luca Bechi è quello giusto per cercare di dar fastidio agli avversari ed arrivare alla fine con il vento in poppa. Le premesse, quindi, ci sono ma bisogna tenere alta la guardia perché Stella Azzurra non è sul parquet per darla vinta agli avversari. 24 – 38.
Al riposo, i padroni di casa iniziano a spingere forte sull’acceleratore e recuperano, grazie alle due prodezze consecutive da tre di Rullo, punti importanti su un’Allianz che spreca tutti i suoi possessi con eccessiva superficialità. A preoccupare è soprattutto l’atteggiamento difensivo visto che nessuno dei pivot sanseveresi riesce a contenere la fisicità di Marcius e si ritorna a giocare quasi punto a punto, dopo aver disputato due quarti all’altezza del match. Rullo riporta in equilibrio la gara sul punteggio di 48 pari.
I romani hanno ancora fame di punti e segnano quasi sempre ad opera di Rullo, mentre l’Allianz Pazienza si sveglia soltanto grazie alla tripla di Clarke ed i due liberi di Ogide per un leggero vantaggio di soli tre lunghezze, annullato poi dalla bomba di Thompson e le due schiacciate di Menalo. Ogide non ci sta: da solo, porta il punteggio sulla parità di 60 lunghezze, che diventano 65 – 60. Bechi chiede il timeout che giova a San Severo e si aggiorna ancora una volta il tabellone sulla parità di 65 lunghezze, grazie alle prodezze di Clarke.
Adesso più che mai serve la mano di tutti, in particolare dell’americano che deve trascinare i suoi compagni ad una vittoria difficile certamente, ma non impossibile. Chi sbaglia, ma ora paga a caro prezzo e a sbagliare, purtroppo, è San Severo con un finale di gara che recita: 71 – 66 per la Stella Azzurra.

L’appuntamento di gara 5 è previsto per domenica 20 giugno 2021 ore 19:00.

Testo e fotografia nel comunicato del 17 giugno 2021 di Ciro Mancino, Ufficio Stampa Cestistica Città di San Severo.