Quando i ragazzi Erasmus danno una lezione di vita al mondo.

0
288

Si è appena conclusa la mobilità italiana del Partenariato Erasmus “Fully Avoid Bully”, coordinato dall’Istituto Secondario “Petrarca – Padre Pio” attraverso la referente prof.ssa Mariachiara Giarnetti ed il supporto della relativa Commissione costituita dalle prof.sse Susanna Cirillo, Annalisa Curatolo, Antonella Diciolla e Stefania Sborea.
Il progetto vede la partecipazione del nostro istituto e di scuole europee partner provenienti dalla Repubblica della Macedonia del Nord, Romania, Spagna, e dalla Turchia. Tutti uniti contro il bullismo ed il cyberbullismo, la prevaricazione, la violenza, l’aggressività in una settimana densa di attività progettuali rese ancor più significative dai momenti di apprensione che stiamo vivendo a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Pace, rispetto, tolleranza, apertura e condivisione sono stati i valori che hanno caratterizzato le giornate della nostra mobilità.

Gli studenti hanno riflettuto insieme su cosa siano il bullismo ed il cyberbullismo realizzando tre grandi poster, hanno creato braccialetti dell’amicizia che si sono donati vicendevolmente, hanno partecipato ad una escape room ideata ad hoc e poi hanno realizzato davvero qualcosa di meraviglioso perché hanno scritto a cinque mani un racconto intitolato “Catch the bully: game over”. A cinque mani perché l’incipit del racconto è stato scritto dalla delegazione italiana e poi, ogni delegazione, come in una staffetta sportiva, ha ricevuto e continuato, aggiungendo a sua volta un capitolo.

C’erano dunque cinque capitoli a cui gli alunni hanno continuato a lavorare insieme poiché hanno creato il fumetto di ciascun capitolo. Questa attività è stata realizzata presso il MAT – Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo sotto la supervisione di Antonello Vignaroli e Anna Friso che ringraziamo per l’ospitalità e per gli ottimi consigli dati ai nostri studenti. Gli alunni hanno disegnato i loro fumetti nello Spazio Fumetto dedicato al nostro indimenticabile Andrea Pazienza, uno degli artisti più rappresentativi ed innovativi nel campo del fumetto italiano. A conclusione di tale attività è stato stampato e donato a tutti i partecipanti un libretto contenente il racconto e le illustrazioni dei nostri ragazzi.
Le delegazioni hanno partecipato con grande attenzione ad un webinar con Mirko Cazzato, fondatore di MABASTAMovimento Anti Bullismo Animato da STudenti Adolescenti – e ad un incontro online con il Vice Ispettore Costantino Colaianni della Polizia Postale. Entrambe le attività hanno visto gli studenti coinvolti attraverso uno scambio dinamico e proficuo di domande.
Emozionante è stato anche il momento in cui tutti gli studenti hanno riprodotto il Nodo Blu (simbolo della campagna della Giornata Nazionale contro il bullismo ed il cyberbullismo nella scuola) sul prato del nostro istituto disponendosi l’uno accanto all’altro.

Naturalmente non sono mancati i momenti in cui abbiamo condotto i nostri ospiti alla scoperta del nostro territorio: a tale riguardo dobbiamo ringraziare gli studenti dell’Istituto Tecnico Economico Statale “Angelo Fraccacreta”, O. di Canito, F. Gentile, S. Ungaro e S. Villani che hanno guidato i nostri ospiti alla scoperta della Città di San Severo.
Un’intera giornata è stata dedicata all’escursione ad Alberobello e Polignano a Mare che hanno decisamente affascinato i nostri ospiti europei. Un grande plauso va alle famiglie italiane che hanno ospitato gli alunni europei nelle loro case facendo vivere loro l’italianità a tutto tondo. Grazie a loro è stata organizzata anche la festa di addio tra musica ed ottimo cibo che hanno unito genitori, alunni, docenti presso la nostra scuola in una serata che rimarrà indelebile nel cuore di ciascuno.

È doveroso ringraziare la nostra Dirigente, prof.ssa Carmen dell’Oglio e la nostra scuola nella sua interezza, dal personale amministrativo ai collaboratori scolastici guidati dalla DSGA, dott. ssa Eliana Mundi, il prof. F. P. Pilla, il prof. A. Sciscioli e il prof. C. di Fazio, sempre pronti a collaborare. Tutti hanno lavorato giorno dopo giorno affinché il programma procedesse nel migliore dei modi e secondo quanto stabilito. L’appuntamento ora è alle prossime partenze Erasmus dei nostri alunni sperando che possano continuare senza soluzione di continuità in una Europa unita, pacifica, tollerante ed aperta al dialogo.

Testo e fotografie nel comunicato a firma delle prof.sse Susanna Cirillo, Annalisa Curatolo, Antonella Diciolla, Mariachiara Giarnetti e Stefania Sborea.